La dimentico…

La dimentico a volte tesoro mio.

La tua sclerosi multipla dimentico come se fosse semplicemente un appuntamento dal dentista per una pulizia di routine.

La dimentico perchè ora è invisibile. Nascosta, celata ai miei occhi profani. Ma non so tesoro mio cosa tu possa sentire. Mi dici che i tuoi mal di testa sono solo a causa della stanchezza per non farmi preoccupare vero? Come se quella neurite ottica fosse stato un misero errore. Un piccolo inceppamento del tuo testone che adoro.

La dimentico ma poi stringi gli occhi e mi guardi stanco e io che farei qualsiasi cosa pur di non saperti malato.

Sai, mi ha messo fretta questa notizia arrivata appena una settimana fa. Fretta di fare qualsiasi cosa, anche se so forse non ne dovrei avere. Però… vorrei abitare con te e quando quella bastarda sarà tra di noi facendosi vedere io la affronterò, noi la affronteremo senza apparente paura.

La dimentico amore mio e la dimenticherò ogni volta che mi chiederai di farlo, quando guardandomi negli occhi, mi chiederai di non essere triste.

Sei l’altro mio cuore tesoro, sei il mio altro respiro, sei il mio altro cervello, anche con Lei.

Io e Te

 

 

P&M

Annunci

Respiro 29 volte prima di parlare!

Mancava solo questa,

e quando mi girano, mi girano!

Poi li pensi amici… ma di chè?

Di che cosa?

Fai, ci pensi, ti impegni, li inviti e poi? E poi ognuno ha i suoi cazzi e tu ti attacchi! Ma santa pace.

Ho proprio le scatole precariamente in bilico su loro stesse. Mi dà fastidio! Io ci sono, sempre, o quasi! Una volta chiedo, una sola!

Respiro e tiro dritta, respiro e tiro dritta, respiro… sto andando in iperventilazione!

Volevo solo festeggiare il mio compleanno tra due settimane.

29 sono e loro non ci sono!

Grandi scelte ho fatto, veramente!

Non parliamo di altro altrimenti mi preoccupo, meglio essere solo arrabbiata.

Precariamente tranquilla.

P&M

Rainbow-Unicorn-Cake

Photo credit

Dannatamente sola

Si sdoppiano e si riappaiono le persone che portano lo stesso destino.

La mala sorte, le scelte d’istinto, gli occhi offuscati che non afferrano il futuro. Tutto che compone la mia e la sua vita. Perchè che io lo voglia o no siamo indissolubilmente legati ma mi sento più sola che mai.

Che mai.

Sto ballando un valzer con la mia anima. La tengo abbracciata strettamente come se potesse se, da un momento all’altro, essere coperta da un telo di quelli che si utilizzano per salvare i mobili dalla polvere quando la casa non è più abitata. Quei teli bianchi, vagamente grigi.

Ho paura

che finisca là sotto.

Il suo destino, il mio destino. La sua diagnosi, la mia diagnosi. La mia paura, la sua tristezza.

E mi sento sola come non lo sono stata mai, davvero.

Ognuno è gravato dalla propria immensa vita, chi sono io per scaricare un po’ della mia?

Non le interpello le mie ragazze, le mie piccole donne perchè combattono una silenziosa guerra che non è la mia.

Mercoledì la spada, prima ci colpirà e meglio sarà, almeno sapremo con che cosa dobbiamo armarci.

Sclerosi multipla, lui non ti teme, io sì!

Ballroom-BlissCredit Photo

P&M

Punto 12°: non intasare!

Mi hanno devo che non devo sovraccaricare il centro per l’impiego.

Mi scade il contratto con la “mia scuola” (MS da ora in poi) il 30 Giugno.  Fra 5 giorni sarò in ferie forzate. Evitano di pagarmi i giorni che mancano.

Devo fare l’account per l’email istituzionale.

Mi arrangio.

Rimango gioiosamente senza lavoro e con un simpatico assegno di disoccupazione che non salderà nulla.

Fra due anni i punti che ho accumulato quest’anno avranno un senso.

Non so, se ridere o……

Facciamo finta di ridere!

P&M

Il ritorno della precaria!

Rieccomi, dopo due anni di precaria latitanza.

Avevo iniziato bene e come al solito mi sono arresa. Non perché io sia una che si arrende ma mi sembra che tutto ciò che faccio sia di dubbio interesse e mi accascio, m’affloscio su me stessa immaginando il deserto del Sahara.

Torno dopo due anni di attento e intenso precariato. Tre mesi in una casa farmaceutica, il sentimento è stato quello di essere stata là per tre millenni; l’ambiente pesante, i colleghi fastidiosi, l’arrivismo alle stelle e le notti insonni pensando a cosa cavolo avrò sbagliato questa volta. Le mattine con le alzate prima del dovuto, correndo a coprire un danno che molto probabilmente non avevo fatto.

Un incubo, il mio personale incubo di quel periodo.

Poi è arrivata la scuola e quante cose ci sono da dire a riguardo. Forse sarebbe meglio tacere ma… Se avessi preferito il silenzio non avrei aperto un blog molto probabilmente.

Scuola croce e delizia. Un incarico annuale con metà orario, 100 km al giorno, dei buoni colleghi. Il mio piccolo ed infinito mondo.

Precaria a livello monetario.

L’animo in folle.

Quando l’ansia ti assale pensando di far quadrare i conti che non sono solo i tuoi.

Non mi arrabbio nemmeno più, io e le finanziarie.

Io e le chiamate minacciose. Sempre alla rincorsa di ciò che non ho.

Io, due persone:Precaria & Mente.

Rimanete con me in questo viaggio che il bello deve ancora arrivare.

 

P&M

Precaria, a chi?

Precariamente mi presento.

O sono già sull’orlo di una crisi di nervi?

Hummmm…  vedo complessa la vicenda!

Precaria nel lavoro (ma questa è una novità?), precaria nella vita sentimentale (attualmente rappresentata degnamente dal deserto del Sahara), precaria nella salute mentale (la mia analista mi definisce saggia, io continuo avere dubbi a riguardo).

Convinta profondamente di avere pochissime certezze e una quantità sterminata di domande alle quali, molto probabilmente, meglio non rispondere proprio!

Sono qui, per iniziare questo percorso di Precaria in questa vita precaria, in tutte le sue sfumature tinte di tutti i colori dell’arcobaleno.

Oggi 05/01/2016, a te Lettore che passi di qui, dico che se vuoi contattarmi usa questo indirizzo: precariamente@outlook.it  (avrei preferito il .com, ma mi hanno detto che per le stupidaggini non danno cotanta meraviglia).

Suppongo che farò anche un profilo Twitter per cinguettare insieme a tutto il resto del mondo (ma al momento non c’ho proprio voglia).

Penso di poter passare e chiudere ora!

Baci precari!

P.

P.S. se avete il dubbio di conoscermi sul serio nella vita, avvisatemi, farebbe piacere anche a me, conoscere Precaria, dal vivo!